Come recuperare i semi dalla bacche di rosa canina

Come recuperare i semi dalla bacche di rosa canina

Le bacche di Rosa Canina nascondono al loro interno un prezioso segreto.

Più precisamente le bacche di rosa canina si chiamano: Cinorrodi.

Oggi rispondo ad una semplice domanda di giardinaggio: cosa sono i “cinorrodi” ? e come  faccio a recuperare i semi dalle bacche di rosa?

Semplicemente il Cinorrodo è un falso frutto di alcune varietà di rose , spesso della rosa rosa canina.

volgarmente è il frutto rosso che rimane sulla pianta una volta che gli ultimi petali sono volati via. Con lo scorrere del tempo diventa sempre più maturo divenendo rosso brillante richiamando la nostra attenzione e quella anche di golosi animaletti.

Questi piccoli scrigni rossi al loro interno contengono un “ Tesoro” infatti dentro avvolti da una  piccola peluria ci sono i semi della rosa  che potremo provare a piantare a tempo debito. 

 

Come fare per  recuperare i semi dalle bacche di rosa canina?

  1. Raccogliere le bacche nel momento giusto . Le bacche dovranno essere Rosse. Di solito si raccolgono dopo la prima gelata (nel mio caso le ho raccolte al primo abbassamento delle temperature metà ottobre, il cambiamento climatico ha portato a tempi di maturazione molto anticipati)
  2. Le bacche vanno pulite con un panno.
  3. Con un coltello tagliare l’estremità dove la bacca era attacca al ramo della rosa .E fare un taglio per la sua lunghezza per dividere in  due la bacca
  4. Dentro la rosa troverete i semini della rosa circondati da una peluria. Il loro interno è quanto mai prezioso poiché da questi semi potrete provare a riprodurre una rosa da seme.


La parte coriacea la potete utilizzare per realizzare il miele alla rosa canina , mentre i semi potete conservarli per tentare a  riprodurre delle rose da seme.

Cosa importante che dobbiamo ricordare prima di piantare  i semi delle rose è che per germinare i semini hanno bisogno di attraversare la fase del “ freddo” .

I semi sono in una fase di dormienza  che possiamo interrompere , ingannando i semi riproducendo le condizioni tipiche dell’inverno. attraverso delle serre o a casa con il freddo del frigo.

Questa tecnica si chiama  vernalizzazione la possiamo usare anche per forzare i bulbi ad esempio (leggi qui)

Le rose che nasceranno dai nostri semi delle bacche saranno rose botaniche. Ogni rosa sarà diversa da l’altra, unica e irripetibile in base ai geni trasmessi dai singoli genitori . ( Se ti interessa guarda il video )

Se questo post ti è piaciuto condividilo con i tuoi amici green!

 

About verdi e contenti

Page with Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.