Differenza tra piante annuali, biennali erbacee perenni

Differenza  tra piante annuali, biennali erbacee perenni

differenza tra piante annuali, piante biennali  erbacee perenni

Il mondo del giardinaggio, a mio parere, si divide in due grandi categorie di pollici verdi.  Un primo composto da tutte quelle persone che conoscono di tutto e di più su varietà, specie, nomi botanici cure e  curiosità di tutte o solo di alcune tipologie di piante.
E un secondo  gruppo di persone  con un pollice timidamente verde che vogliono approcciare al giardinaggio e spesso rimangono impaurite o disorientate magari dopo  qualche insuccesso green.

Uno dei miei claim principali  è che Tutti Possono Fare giardinaggio basta avere le giuste nozioni per coltivare il nostro animo green  e dato che si parte spesso dall’abc anche in merito alle piante è necessario spiegare quello che per alcuni può sembrare ovvio e banale.

Scrivo qui una delle prime differenziazioni che ho appreso quando ho cominciato a coltivare il mio animo e pollice verde.

 

La differenza tra piante Annuali, piante biennali, erbacee perenni .

Piante Annuali

sono chiamate piante annuali tutte quelle piante che hanno un ciclo vitale che inizia nel momento della semina e termina dopo la fioritura , generalmente producendo nuovi semi .

Alcune varietà hanno un ciclo molto breve che però si riesce a ripetere  più volte nelle stessa stagione. Spesso le piante annuali si riseminano da sole e spontaneamente rifioriscono altre volte si recuperano i semi per piantarle nuovamente l’anno successivo.

Esempi di piante annuali sono : le zinnie (guarda qui come recuperare  i semi ) ,  cosmee, fiordalisi, tagete, nigella, eliotropio, margherite.

Le annuali in giardino o sul balcone hanno il compito di completare le composizioni create con arbusti, alberi o piante perenni .

Piante Biennali

Sono definite piante  biennali, invece , quelle piante che da come possiamo dedurre dal nome completano il loro ciclo vitale in due anni. Dove nel primo anno hanno un buon sviluppo vegetativo e  nel secondo completano con la fioritura. Producendo anche loro i semi per la riproduzione. Al termine del secondo anno la pianta muore.

Esempi di piante biennali sono: la cipolla, le digitalis, il sedano , il finocchio, il prezzemolo .

Erbacee Perenni

A differenza delle altre due tipologie di cui vi ho parlato le erbacee perenni sono quelle piante che hanno un ciclo vitale che dura più di due anni .

Possono avere  diversi portamenti, cespuglioso, ricadente, strisciante, alcune sono sempreverdi.

Durante l’inverno la parte aerea si secca e quindi va tagliata. Nonostante ciò la pianta non è morta. Infatti l’apparato radicale continua a  vivere germogliando con nuovi getti in primavera.

Le Erbacee Perenni a differenza della Annuali e Biennali non muoiono , entrano in uno stato chiamato riposo vegetativo.

Esempi di erbacee perenni  : aquilegia, alstroemeria, anemone giapponese, lychnis

Partendo da queste quanto mai semplificative e  semplici distinzioni potete imparare la differenza tra piante annuali biennali erbacee perenni .  prendervi cura e scegliere le vostre piante.  Coltiviamo insieme il nostro pollice verde!

Se questo post ti è piaciuto condividilo con i tuoi amici . 

About verdi e contenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.