Come si prepara l’acqua di San Giovanni? Che Erbe occorrono?

Come si prepara l’acqua di San Giovanni? Che Erbe occorrono?

Come si prepara l’acqua di San Giovanni? Che Erbe occorrono?

Come si prepara l’acqua di San Giovanni? Che erbe servono per preparare l’acqua di san Giovanni?…rispondiamo a queste che sono le domande più gettonate per questa antichissima tradizione contadina.

La prima volta che ho scritto dell’Acqua di San Giovanni era il 2018 (leggi qui) e in pochissimi ne avevano sentito parlare e poco e niente si era scritto nelle pagine di internet.

Un’antica tradizione, di origini pagane che nel tempo si è trasformata, andando dimenticata per un pò, ma che nei suoi ricorsi è riaffiorata alla memoria nei cassettini dei ricordi .

Sai, io la facevo con mia nonna…” “Mia mamma mi mandava in giardino a raccogliere le erbe” “Grazie che bel ricordo mi hai fatto rivivere” . Questi sono i messaggi che mi arrivano spesso quando parliamo di tradizioni contadine e soprattutto quando arriva metà giugno e cominciamo a prepararci alla preparazione dell’acqua di san Giovanni!

Questa tradizione ha origini pagane e nasce come rito per salutare il Solstizio d’Estate, una notte magica come abbiamo imparato da William Shakespeare in “Sogno di una notte di mezza estate”. Una notte dove tutto può accadere, dove il mondo di fate e natura incontra e si intreccia con il nostro.

Oggi siamo riusciti a far rivivere questa antica tradizione.

Come si prepara l’acqua di San Giovanni?

Che erbe occorrono per preparare l’acqua di San Giovanni?

Queste sono le domande più gettonate.

Quali erbe servono per preparare l’acqua di San Giovanni?

Adesso vi svelo un segreto, io la faccio con ciò che ho sul balcone , o se riesco mi faccio una passeggiata il pomeriggio del 23 -Giugno e raccolgo quello che trovo.

Alle origini dell’acqua di san Giovanni, si riteneva che queste piante, molto usuali e di facile reperimento anni e anni fa, si caricassero di energia e forza e per questo venivano raccolte.

Dunque, partendo dal presupposto che potrebbe essere difficile trovarle, se volete fare l’ Acqua di San Giovanni usate quello che avete, se volete invece avere una sorta di elenco, ecco le erbe della tradizione.

Noterete che sono erbe spontanee, che facevano parte dei giardini, della natura che circondava le case.

  • Iperico o Erba di San Giovanni
  • Malva
  • Timo (video come si coltiva il timo)
  • Ginestra
  • Menta.
  • Papavero
  • Rosa Canina o no
  • Fiordaliso. (leggi la leggenda)
  • Sambuco.
  • Fiori di Lavanda.
  • Timo
  • Basilico
  • Salvia
  • Rosmarino
  • Tanaceto
  • Finocchietto Selvatico
  • Verbena
  • Camomilla

Dunque, partendo dal fatto e dal principio della spontaneità, se riuscite a trovare alcune di queste piante bene altrimenti quello che avete sul vostro balcone o giardino andrà benissimo.

COME SI PREPARA L’ACQUA DI SAN GIOVANNI?

Nella giornata del 23 giugno si raccolgo le erbe, la sera si mettono in una ciotola con dell’acqua e si lascia fuori ai favori della notte. (la notte tra il 23 e 24 giugno la notte più corta dell’anno)

Le vibrazioni magiche della notte e la rugiada della mattina faranno il resto.

Al vostro risveglio potrete lavarvi mani e viso con la vostra acqua di San Giovanni, con questi gesti saranno propiziatori e di purificazione portando amore, fortuna e salute. QUESTO era il senso di questo antico rituale.

Una curiosità – nella stessa notte di San Giovanni in Nord Europa c’era un’altra tradizione. Si accendevano dei falò nelle campagne per attendere il sole che sorgeva e scongiurare tenebre, spiriti maligni e avversità.

Se farai l’acqua di San Giovanni fammi sapere o se sei sui Social Taggami, è bello far rivivere e diffondere queste antiche tradizioni. 🙂

About verdi e contenti

Page with Comments

  1. Io l’ho fatta con quello che avevo sul balcone: basilico,salvia, rosmarino, mentuccia, alloro,fiori impatiens e viole del pensiero. È venuta un’acqua profumatissima!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *