Scarti di cucina per concimare le nostre piante

Scarti di cucina per concimare le nostre piante

E’ sempre importante fornire alle nostre piante tutte le cure necessarie per aiutarle a crescere, oltre a garantire luce e acqua dobbiamo ricordarci che le nostre piante “mangiano” e quindi è opportuno fornire i giusti nutrienti.

Oltre a quanto si trova in commercio possiamo usare degli scarti di cucina per concimare.

Prima di parlare di questi trucchetti zero sprechi facciamo una doverosa distinzione tra concimi, ammendanti e correttivi. ( ne avevo parlato anche qui)

COSA SONO : 

I Concimi: arricchiscono il terreno con gli elementi nutritivi utili alle piante per la loro crescita.

Gli Ammendanti sono sostanze di natura sintetica o naturale che alterano le caratteristiche e le proprietà di un terreno migliorandolo per le piante da coltivare. (esempio l’Humus)

I Correttivi come possiamo facilmente intuire correggono il terreno. Esempio più concreto sono quelli relativi alla correzione del ph del terreno. (leggi qui)

Ovviamente su questo ambito c’è molto da dire e approfondire data la vastità dell’argomento.

 Oggi non sono qui per addentrarmi in questo senso, ma per tramandare quello che veniva fatto dalle nonne e che ancora oggi trova largo uso nelle pratiche di giardinaggio. Ovvero la possibilità di utilizzare alcuni scarti di cucina nel giardinaggio per portare nutrimento alle nostre amiche piante.

L’utilizzo degli scarti di cucina come “concimi” fai da te non esclude l’utilizzo di prodotti specifici che si trovano in  commercio. Altra doverosa puntualizzazione, quello che sto per raccontarvi non è compostaggio che è tutta un’altra pratiche che comunque parte dagli scarti, ma non parliamo di questo. 

QUINDI, di COSA PARLIAMO?

Parliamo di come usare alcuni scarti di cucina per concimare le nostre piante.

Possiamo prenderci cura dei nostri spazi verdi siano essi balconi o giardini con quelli che, di solito, sono considerati scarti da cucina.

Le piante, tutte soprattutto quella in vaso,diciamo, hanno bisogno di nutrirsi. Per fare questo amorevolmente forniamo i dovuti nutrimenti (concimi organici o meno ) per dare i giusti nutrienti alle piante.  Quelli principali azoto fosforo e potassio. 

Con i consigli della nonna possiamo utilizzare diversi scarti della cucina per la coltivazione delle nostre piante.

Ovviamente non parliamo di compost argomento ben più vasto e specifico , ma di come poter utilizzare alcuni scarti per dare nutrimento alle piante.

Partiamo dal più conosciuto di tutti  la buccia di banana!

Il potassio è uno dei tre moschettieri delle piante. Aiuta a rendere la pianta più forte e  vigorosa. AIuta a formare la parte legnosa delle piante e a sviluppare resistenza alla pianta

Con poco potassio la pianta si indebolisce e diventa facile preda di attacchi di malattie. 

Possiamo creare facilmente un macerato di buccia di banana.

Una brocca con dell’acqua e lasciamo la buccia in ammollo per una notte. La mattina seguente potremo utilizzare l’acqua. 

C’è chi la disidrata e mette nel terreno. 

Fondi del Caffè! Come usarli?

I fondi del caffè, ma anche il tè per alcuni, sono ricchi di azoto. L’azoto aiuta allo sviluppo delle foglie, particolarmente adatto per la ripresa vegetativa. Possiamo usarli disciolti nel terreno o in acqua. Avendo anche un ph acido non bisogno abbondare per le piante non acidofile. Perfetto per acidificare il terreno esempio perfetto per camelie, azalee e ortensie e mantenerle blu. Utile anche nell’orto 

Importante farli asciugare. 

Anche i Gusci d’uova aiutano il nostro pollice verde.

… I gusci d’uova possono avere molteplici utilizzi nel giardinaggio, li possiamo usare come semenzaio oppure per arricchire il terreno una volta che li abbiamo sminuzzati.

Tagliati pù grossolanamente dovrebbero tenere lontani ospiti dai corpi molli come le limacce o le lumache. 

Stessa virtù è propria anche della cenere, basta che non sia di legno trattato.

In ultimo possiamo bagnare le piante con l’acqua delle verdure, una volta che si è completamente freddata e soprattutto NON deve essere salata.

Conoscevi già questi “trucchetti” ? Ne conosci altri? Fammelo sapere. Intanto se questo post ti è stato utile condividilo con i tuoi amici green. 

Il giardinaggio è condivisione, coltiviamo insieme il nostro pollice e animo verde

About verdi e contenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *