il Veliero o la Barca di San Pietro

il Veliero o la Barca di San Pietro

Sono da sempre affascinata dalle tradizioni popolari. ancor di più quando vantano origini antiche e legate al mondo rurale.

Si avvicina il 28 giugno e con esso l’usanza de la Barca di San Pietro.

Questa tradizione segue  un’altra notte magica: quella del 23 giugno dove si fa la famosa acqua curativa di San Giovanni.

-La leggenda narra che durante questa notte il sole (il fuoco,)  si sposa con la luna,(l’acqua). Da questa credenza nascono i riti dei falò e della rugiada, presenti nella tradizione contadina. Durante questa notte Magica  le piante e i fiori vengono influenzati da una particolare energia  e per sfruttarle al meglio si può preparare l’acqua di San Giovanni. –

Se anche voi vi avventurate alla ricerca di maggiori informazioni su la barca di Pietro ( o veliero)  vi troverete di fronte a una serie di esperienze, significati e storie confuse. Poichè questa tradizione trova radici lontane e l’essere arrivata a noi è dovuta solo alla vecchia e cara condivisione orale.  Abbiamo  tante chiavi di lettura che la rendono ancoro più leggendaria e misteriosa.

dal web, non so la fonte principale perché l’ho trovata ovunque 🙂

Partiamo da cosa occorre per vedere realizzato il nostro veliero, ma prima di tutto c’è da dire che questo “rituale” va fatto nella notte tra il 28 e il 29 giugno :

  • – 1 fiasco senza paglia o, in mancanza, un vaso di vetro trasparente o una brocca  piuttosto panciuta
  • – 1 chiara d’uovo

Con dell’acqua si riempie fino a poco più della metà la brocca poi  si versa dentro piano, piano l’albume. Si mette  il vaso sotto una pianta e lasciarlo  tutta la notte fuori. La mattina del 29 una volta che si è formato il veliero o barca di san Pietro che dir si voglia  si può dare adito alle interpretazioni di questa magia. 

La tradizione contadina vuole che bisogna osservare le vele :

se sono aperte avremo sole

se sono chiuse arriverà la pioggia 

Altro parametro di analisi è dato dalla forma del veliero, se si crea uno bello ci si auspica un buon raccolto .

Da dove deriva questa bellissima usanza? Risale dal medioevo, quando i monaci benedettini diffusero il culto di San Pietro nei territori lombardi. Già nell’800 era costume popolare credere che al giorno di San pietro seguisse un  temporale. Per questo motivo, per paura di burrasche i pescatori non gettavano le reti. Come tutte le leggende popolari in altre zone si crede che questa notte sia fruttuosa per la pesca.

Insomma di storie e tradizioni ne girano diverse intorno a questo magico veliero, c’è chi in realtà anticipa questa tradizione al 23 giugno. Come tutte le leggende e le usanze popolari non possiamo sapere come si è evoluta nel tempo passando attraverso i racconti dei nonni.

proverbio veneto sulla festa di San Pietro

Io proverò, se però siete a conoscenze di altre tradizioni come questa vi prego di condividerla con me!

Aspetto le foto dei vostri velieri …

 

 

About verdi e contenti

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestmailby feather

Page with Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *