Febbraio e i suoi detti popolari

Febbraio e i suoi detti popolari

Febbraio e i suoi detti popolari

Impariamo dai detti popolari, da ciò che ci è stato tramandato negli anni dall’esperienza e dal vivere delle comunità contadine che basavano una buona parte delle loro azioni per la coltivazione della terra osservando la natura e i suoi segnali!

Il mese di Febbraio è carico di significato ed essendo un mese di passaggio ci sono diversi detti contadini da rispolverare.

Ogni mese ha le sue… Febbraio in antichità era il mese delle purificazioni. Il suo nome deriva da februa che letteralmente sta a significare “mezzi di purificazione”.

Immancabili le tradizioni celtiche infatti i Celti celebravano Imbolc la festa della luce rinascente. 

Era una delle 4 feste celtiche, e significa festa del fuoco perché l’accensione dei fuochi e di falò ne era la caratteristica.

Febbraio infatti anticipa la nuova stagione,la primavera, essendo nel mezzo tra il solstizio d’inverno e l’equinozio di primavera  e quindi bisognava purificarsi per propiziarla al meglio.

Un inno alla primavera.

In ambito Cristiano a Febbraio abbiamo la Candelora. 

Di questo ne avevo già parlato in questo post (leggi qui)

Come sostengo troviamo grandi ispirazioni dai vecchi detti popolari contadini che ci aiutano a comprendere molte cose arrivate fino a noi e anche a leggere meglio la natura per rispettarla.

Il fiore simbolo di febbraio e della ripresa e di questo mese di rinascita è senz’altro il bucaneve. 

Chiunque abbia la gioia di vederli spuntare dal terreno gelido sa quanto siano portatori di bellezza sebbene così piccoli .

Simboleggiano speranza, rinascita e un felice presagio.

Ecco per il mese di Febbraio alcuni detti popolari, il primo quello più conosciuto legato alla candelora:

“Per la Santa Candelora da l’inverno semo fora ma se piove o tira vento ne l’inverno siamo dentro

altri detti contadini sono

“Febbraio, Febbraietto corto e maledetto

Febraiuzzo peggio di tutto

Perchè usavano questi detti? …febbraio era alla fine dell’inverno nella tradizione contadina e si era pronti a re-inizare con i lavori e le provviste cominciavano a scarseggiare

Se febbraio non isferra, marzo mal pensa” 

Ovvero se il mese di febbraio non si scatena con il maltempo, sarà marzo a essere brutto per compensare.

“Se febbraio non febbreggia, marzo matteggia” 

Pioggia di Febbraio riempie il granaio” 

Ovvero che la pioggia di febbraio fa bene al grano 

Ultimo detto…

Febbraio il sole in ogni ombraio” 

Visto che le giornate si allungano sensibilmente i raggi del sole arrivano anche in zone dove prima non riuscivano ad arrivare.

Febbraio è il mese dove tutto piano piano riprende, gli ingranaggi di madre natura si risvegliano per prepararsi alla primavera!

Il fuoco delle candele della Candelora ci richiama a questo nuovo risveglio delle piante, dei fiori e della vita che riprende.

Se hai trovato curioso e interessante questo post condividilo con i tuoi amici, perchè il giardinaggio è condivisione e condividendo saremo tutti più verdi e contenti.

SEGUIMI:

About verdi e contenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.