ABC del Giardinaggio – La Talea

ABC del Giardinaggio – La Talea

ABC del Giardinaggio – La Talea

Come fare una talea?

Chi non ha mai provato o vorrebbe provare a fare una talea?

 Dalla mia esperienza personale, parlando anche con voi, incorriamo in errori con le piante perchè non conosciamo o conosciamo male alcune pratiche necessarie e utili per la loro cura.

Uno degli aspetti più affascinanti, secondo me, nella coltivazione delle piante è la loro riproduzione. Per questo approfondiamo l’argomento della Riproduzione per talea delle piante. 

 La riproduzione per talea delle piante

Riprodurre le piante per talea è una delle tecniche più diffuse in ambito professionale e hobbistico . Infatti molte parti vegetative delle piante hanno la straordinaria capacità di sviluppare nuovi esemplari. Questa caratteristica permette di ottenere delle piante che hanno le stesse caratteristiche delle piante madri. 

COS’E’ una TALEA ? 

Una talea,in pratica, è una porzione di pianta, che possiede almeno una gemma, che ha la capacità di radicare e germogliare.

In generale la talea deve essere lunga 7,5-15 cm, a seconda delle dimensioni della pianta-madre e va tagliata  appena al di sotto di un nodo.

Possiamo distinguere le talee in :

Erbacea

Semilegnosa

Legnosa

Le T. Erbacee sono formate da dei germogli con le foglie. Le Semilegnose presentano dei germogli con foglie in via di lignificarsi e infine le  legnose sono delle parti di rami (lignificati) senza parti verdi  raccolte dopo la caduta delle foglie e prodotti nell’anno. 

Le prime due tendono a radicare più velocemente, le legnose invece una maggiore percentuale di sopravvivenza. 

Qual è il momento migliore per fare una talea?  Il momento migliore in generale è la primavera e l’inizio dell’estate, periodi ideali per tutte le piante.

Le talee di fusto devono essere inserite nel terreno appena preparate, mentre per succulente e cactus vanno fatte asciugare (Guarda il video)

Con le piante ad arbusto è preferibile prelevare una talea dalla base piuttosto che dalla punta 

Talea di Foglia

Alcune piante nella loro forma non hanno fusti fusti e le foglie spuntano direttamente dal colletto della pianta. È chiaro quindi che non è possibile ricavare talee di fusto, ma ovviamente quelle di foglia e sono un modo semplice per moltiplicare molte di queste varietà.

 

Cosa dobbiamo tenere in considerazione per una buona riuscita della nostra talea? 

Prima cosa ricordiamo che le gemme vanno sempre verso l’alto! Secondo, ma non per importanza, un buon terriccio,  elemento che spesso sottovalutiamo, prediligiamo un terriccio di buona qualità e leggero.

Posizioniamo le talee non in pieno sole, ma a mezz’ombra e teniamo costantemente sotto controllo l’umidità del terriccio.

Preleva con cesoie ben pulite e affilate per avere un taglio pulito  la porzione di pianta dai rami più giovani che hanno maggiori possibilità di attecchire.

(Come fare una talea di rosmarino)

A questo punto non resta che provare e riprovare senza scoraggiarsi se alcuni tentativi non andranno subito a buon fine. LE piante ci insegnano l’arte della pazienza.

Se questo post ti è stato utile condividilo con i tuoi amici, il giardinaggio è condivisione e condividendo saremo tutti più Verdi e Contenti!

About verdi e contenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *