Come proteggere le piante dal freddo improvviso?

Come proteggere le piante dal freddo improvviso?

Primavera 2020 dopo la quarantena, arriva anche un colpo di freddo.

Di certo questa primavera bisestile non la dimenticheremo per molto tempo.

Oltre alle varie vicissitudini note arriva dopo un caldo forse anomalo che aveva avviato tante piante un abbassamento repentino e abbastanza importante delle temperature.

Ecco cosa possiamo fare per tutelare le nostre piante con quello che abbiamo a casa…

Il consiglio arriva da Angela Bistoni nel gruppo FB collegato a Verdi e Contenti ABC del giardinaggio.

Angela Bistoni è la co-fondatrice di URBAN TREE s.a.s . Questa azienda si occupa di consulenze e Servizi per la Verifica di Stabilità degli Alberi, la Difesa e la Cura delle Piante Ornamentali e la Gestione del Verde Pubblico e Privato. Trovate qui il loro sito (clicca qui) .

Arriviamo al dunque di questo post: “Come proteggere le piante dal freddo improvviso? “

In vista delle prossime gelate repentine di marzo, qualche idea “fai da te” che ci permette di utilizzare il materiale che potremmo avere a disposizione in casa.

– Limitare annaffiature e sospenderle durante i giorni previsti in cui gelerà.

– Per chi è in possesso di teli di “tessuto non tessuto” ovviante utilizzare quelli.

– Rimettere in casa tutte le piantine trasportabili.

– Utilizzare sacchetti per l’umido avendo cura di forarli con un ago o oggetto appuntito.

– Accorpare i vasi verso la parete meno esposta.

– Con cartoni o carta da giornale avvolgere i vasi o quanto meno cercare di ripararli.

– Se si hanno piantine poste su fioriere a muro, cercare di proteggere con un copriletto leggero in cotone.

Insomma questi i consigli più immediati proteggete i vostri tesori green da questo colpo di freddo.

Vi abbraccio da lontano e vi saluto con affetto, soprattutto se questo post vi è piaciuto condividetelo con i vostri amici dal pollice verde.

Chiara

P.s. Se ti va iscriviti alla newsletter (qui) puoi trovarmi anche su youtube

About verdi e contenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.